Detenuto in sedia a rotelle condannato all’ergastolo, nel serial carcerario Oz, Harold Perrineau Jr. I suoi genitori gli cambiarono il cognome in “Williams” quando aveva sette anni. Dopo il diploma, s’iscrive alla Shenandoah University ma senza completare gli esami.

La sua gamba piegata, coperta per metà con una calza nera, è diventata una delle icone di Hollywood e il ricordo della sua interpretazione di Mrs Robinson nel Laureato è destinato a essere immortale, così come la canzone di Simon Garfunkel che accompagnava il film.L’identificazione tra l’attrice e il ruolo che Mike Nichols le affidò nel 1967 è stata talmente forte che Anne Bancroft non molto tempo fa si era lamentata del fatto che la gente continuasse a ricordarla soprattutto come la signora Robinson, la ricca e borghese amante del neo laureato Benjamin (Dustin Hoffman) in un film ‘forte’ per l’America ancora perbenista degli anni Sessanta. A suo avviso, Il Laureato aveva messo troppo in ombra i molti altri successi della sua lunga carriera.A partire da Anna dei miracoli, il film di Arthur Penn del 1962 che le era valso l’Oscar come migliore attrice, dopo averle portato il premio Tony per la versione teatrale a Broadway.Nata nel 1931 come Anna Maria Louise Italiano in una casa di immigrati italoamericani nel Bronx, la Bancroft è morta all’ospedale Mount Sinai di New York per la conseguenze di un tumore all’utero. A dare l’annuncio è stato il portavoce dell’uomo che le stava accanto dagli anni Sessanta e che le è stato al fianco fino alla fine, il marito regista e attore Mel Brooks, dal quale nel 1972 aveva avuto il figlio Max.La ragazza del Bronx diventata una stella di prima grandezza di Hollywood aveva cominciato negli anni Cinquanta la propria carriera a teatro.

Donne che annunciano di esser state sedotte, padri che dichiarano di avere la figlia adolescente incinta. Un gruppo di specialisti ha il compito di sventare questi attacchi e di portarne di simili ai suoi avversari. Di Dallas), chiamato a sostituire il precedente candidato che è morto.

Ad uscirne comunque vincente è la recitazione degli attori e, su tutti, quella di Irène, mai sfrontata o sopra le righe ma perfettamente in linea con il temperamento del personaggio.Nel 1998 cambia totalmente registro e approda a un cinema d’azione, campo nuovo per lei che finora aveva sempre prestato il volto a personaggi fragili in racconti di vita fatti principalmente da turbamenti umani. Marshals Caccia senza tregua. Dopo questa parentesi adrenalinica (che riprenderà in parte con il film History Is Made At Night con Bill Pullman), ritorna a un cinema di impianto più intimistico ma aperto a dinamiche tipiche della commedia.

Modelli Ray Ban

Lascia un commento