Metti una mattina qualunque nella periferia est di Roma, quartiere frenetico e popoloso. Siamo in un ufficio postale, frontiera quotidiana per migliaia di persone alle prese con tasse, spedizioni e bollettini. C’è chi deve pagare, chi sistema il libretto dei risparmi, chi appronta una raccomandata.

Rimane nella cara terra d’origine per lavorare con il regista Stephen Frears nel suo secondo lungometraggio Vendetta (1984) e poi passa alla televisione dove veste i panni di un narratore che racconta al suo cane storie leggendarie in Storyteller (il programma vince l’Emmy Award come migliore trasmissione per ragazzi). Prosegue la carriera con il drammatico Colpo di scena (1987) e sorprende il suo pubblico con un genere nuovo per le sue corde, e cioè l’horror di Frankenstein oltre le frontiere del tempo di Roger Corman. Poi si traveste da “contessa” nella commedia amara di Gus Van Sant Cowgirl Il nuovo sesso (1993), a fianco di una strepitosa e imprevedibile Uma Thurman.

Ma nonostante il suggello posto da Mann, Miami Vice formato panoramico è lontano anni luce dal 4:3 televisivo. Nessuna indulgenza al vintage e nessun tentativo di riabilitazione nostalgica degli anni Ottanta. Solo l’idea di due detective abili a lavorare sotto copertura ed una compilation dei più noti pezzi musicali a definire il ritmo di montaggio da videoclip funzionano da ponte fra il film e la serie tv.

Lemuel Gulliver lavora negli uffici di un grande giornale come fattorino della posta. Ogni giorno gira con il carrello pieno di pacchi e lettere da consegnare a redattori e direttori. Una fortuita occasione però farà sì che gli venga data la possibilità di riscattarsi ai suoi occhi redigendo un reportage dal triangolo delle Bermuda.

Stenciled. “52.15” wirtten in top right corner of front wrapper. Very fine and clean. David Fincher è da sempre innamorato dei percorsi narrativi che consentono la ricostruzione di qualcosa (siano una serie di omicidi, sia la struttura di un libro, sia un fatto di cronaca) e per la storia della nascita di Facebook idea un racconto intrecciato tra dibattimenti, patteggiamenti e fatti reali mostrati in flashback, tutto centrato sull’inespressività di Jesse Eisenberg. L’attore newyorchese riesce infatti nell’impresa di comunicare la non comunicatività del suo Zuckerberg, in una lotta legale che è anche sopraffazione di una classe su un’altra. Una perversa e malvagia rivincita del nerd nei confronti di quelli che percepisce come nemici (l’ex migliore amico più integrato di lui, i canottieri che tanto piacciono alla ragazza che lo ha mollato)..

Prezzo Ray Ban A Goccia

Lascia un commento