Fatih Akin: Credo che il principale argomento del film sia il dialogo, o meglio, la comunicazione. Tutti nel mondo parlano di comunicazione ma nessuno comunica davvero. Io invece agli interpreti di Ai confini del paradiso faccio addirittura parlare in tre lingue diverse.

Stearns, Peter N. World History: Patterns of Change and Continuity (1995)A power plant needs uranium enriched to only 3 per cent. Times, Sunday Times (2006)Ten hours of labour will follow, at the uranium plant or in the colony’s workshops. Segue cover de Il mondo con annessa standing ovation. Bello l’arrangiamento: l’orchestra fa un ottimo lavoro. Non come la Pravo: il suo contributo dura tre secondi, ma tanto basta per (con)vincere.

Il quarantenne con la faccia da bambino (tra le sue opere un documentario autobiografico dal titolo I’ve been 12 forever) e una pessima pronuncia inglese, è passato dall’amore per la musica, ereditato dal padre, (è stato per anni fino allo scioglimento, nel 1992 batterista della band francese Oui Oui, per cui ha realizzato diversi video), a quello per il cinema. E la strada che collega le note alle immagini non poteva che condurlo all’esplorazione della risorsa del videoclip, moderno terreno di sperimentazione nei rapporti tra musica e immagine.Con lui, Jonze, ma anche con Cunningham e Corbijn il videoclip è diventato vera e propria forma d’arte, oltre che ottimo mezzo a basso costo per esercitare liberamente la propria fantasia e palestra per sperimentare nuove forme espressive.Gondry, noto anche per diversi spot pubblicitari realizzati per Levi’s, Smirnoff, Adidas, Nike, Air France, Gap e Polaroid, si fa dunque apprezzare inizialmente per le trovate geniali dei videoclip realizzati per Daft Punk (la danza circolare degli scheletri di Around the World), Beck (in Deadweight il cantante si ritrova a lavorare in riva al mare, a rilassarsi su una sedia a sdraio nel bel mezzo di un ufficio, o a farsi portare in giro dalla propria ombra), Chemical Brothers (il treno in corsa di Star Guitar), o ancora per la moltiplicazione di Kylie Minogue nell’ipnotico piano sequenza di Come into my world e la moltiplicazione di strumenti musicali in The Hardest Button to Button dei White Stripes (con cui collabora spesso e volentieri). Altra frequente partnership è quella con Bjrk, che Gondry ha trasformato in una terrorista innamorata per Army of me, in un’evanescente presenza computerizzata nel lungo piano sequenza di Joga, omaggio alla terra islandese patria della cantante; e ancora in un videogioco per Hyperballad.

Ray Ban Italia

Lascia un commento